Una comunicazione che non si può hackerare. Il racconto degli studenti coinvolti