Fisica Nucleare

Fisica Nucleare al Dipartimento di Fisica:

La fisica nucleare studia le interazioni fra i nucleoni, costituenti del nucleo atomico, e fra i costituenti degli stessi nucleoni, sfruttando a tal fine prevalentemente le reazioni nucleari, ovvero i processi in cui i nuclei interagiscono collidendo e formando altri nuclei, fondendo, frammentandosi, producendo ed emettendo particelle.

In natura si manifestano spontaneamente reazioni nucleari quali i decadimenti radioattivi e le reazioni termonucleari che hanno luogo nelle stelle, generando luce, calore e altre radiazioni. In laboratorio le reazioni nucleari vengono indotte sfruttando fasci di particelle o nuclei prodotti dagli acceleratori e vengono utilizzate ad esempio per ricreare le condizioni del plasma di quark e gluoni che avrebbe costituito l'universo pochi microsecondi dopo la sua formazione.

In particolare i ricercatori triestini si dedicano attualmente a:

  • Ricerche sulle dinamiche dei quark e degli adroni, con esperimenti sulle risonanze nucleoniche, studi sull'effetto del mezzo nucleare, spettroscopia ipernucleare e studio degli atomi pionici e kaonici (Laboratori Nazionali di Frascati e CERN);
  • Transizioni di fase della materia nucleare e adronica: dalle transizioni di fase liquido-vapore alle transizioni tra materia adronica e plasma di quark e gluoni. Rientrano in questa linea gli studi sul deconfinamento dei quark (LHC al CERN).
  • Astrofisica nucleare e ricerche interdisciplinari, che prevedono misure di sezioni d'urto d'interesse astrofisico e per scopi applicativi: tecnologie nucleari emergenti, fisica medica (CERN).
Ultimo aggiornamento: 21-11-2017 - 18:50